ahlein! (مطار برتقال)

sono tornata a beirut una settimana fa. questa città continua a sembrare inospitale. per continuare a disorientarmi ieri si è risvelata a Sana3ye House, vecchio palazzo, architettura anni ’50, 3 o4 piani di balc0ni aperti sulla strada, colonne sottili in stile ottomano, stanze ampie senza porte e le porte a vetri, per quello che resta.

A fine ‘800 il quartiere era la zona delle arti e mestieri, sana3ye, appunto (ma صناعة – sana3ah- traduceva anche il greco technè nei trattati medievali di filosofia). Ecco, io da ottobre a gennaio 2010 abitavo a casa di Vartan Avakian e Ra3d Yassin, proprio dietro il giardino di Sana3yeh che è uno dei pochi parchi pubblici della città, ma in questa Sana3yeh House non c’ero mai stata: spazio adibito ad attività culturali, il giovedì propone cineforum-aseguiredibattito-, concerti, mostre di fotografie. Appena entro mi dimentico subito il nome dei due ragazzi, fotografi per al-Akhbar, che  approccio maldestramente, come al solito. الاخبار è il giornale di sinistra vicino al partito comunista e non c’entra nulla con Allah-u-akbar, il Dio. E’ un gioco di parole, anzi di lettere, ma forse non si può spiegare tutto. Si scopre che sono amici di ‘Ali, informatico di Al-Akhbar, paladino della rete, cavaliere Senza Fili e Senza Paura dei virus israeliani lanciati quotidianamente per oscurare il sito del giornale. Sono anche amici di Nadine, prof. all’AUB e collaboratrice di Mind the Gap, l’agenzia di comunicazione-grafica più cool che cura l’immagine dei siti e delle associazioni fiche di Beyrut (sfeir-semler, ashkalalwan e home work, beirut art center, …). E insomma dopo Salaam cinema! film iraniano di Mohsen Makhmalbaaf, queste teste pensanti e clickanti fanno una riunione per studiare le tattiche Non Violente di protesta al piano di riedificazione edilizia nel quartiere, che prevederebbe anche l’abbattimento della Sana3yeh House.

scendendo le scale, piovono arance dal soffitto (مطار برتقال) e io, finito il mio bicchiere di vino rosso, me ne torno in Hamra street. (via commerciale del centro, da lì a casa di Donald a Rouche sono neanche venti minuti di abbigliamento-uffici cambio-nights club-tabaccai…sembra Il re oggi gira. Voi no?)

Annunci

0 Responses to “ahlein! (مطار برتقال)”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: